Carta PostePay

Postepay è una prepagata ricaricabile emessa da Poste Italiane. Puoi usarla ovunque, dai ristoranti e supermercati alle grandi catene di distribuzione, agli hotel e ai distributori di carburante: praticamente ovunque ci siano i loghi Visa esposti.

Grazie a questa flessibilità, non avrai più bisogno di portare in giro contanti o preoccuparci di perdere il portafoglio!

Come carta, in linea generale si può affermare che la stessa ha costi contenuti e può essere amministrata in modo semplice: via Pc, Mac e tramite smartphone grazie alle app dedicate. Inoltre, grazie all’iniziativa di Poste Italiane, è possibile ricaricarla a domicilio facendone richiesta ad un portalettere dotato di terminale POS.

Carta prepagata Postepay Standard

Recensione completa della PostePay

PostePay è una carta di pagamento che permette di fare acquisti online e in qualsiasi parte del mondo, e di prelevare denaro contanti in qualsiasi momento anche in valuta estera. È destinata principalmente a persone che non hanno familiarità con i pagamenti online e vogliono mantenere le loro informazioni finanziarie al sicuro.

È una carta adatta a tutti, infatti, i giovani trovano servizi importanti come p2p grazie al quale è possibile scambiare piccole somme di denaro in tempo reale. I meno giovani, trovano maggiore assistenza in caso di problemi, perché tutti possono avere il contatto diretto con un addetto delle poste e chiedere una aiuto per risolvere eventuali problematiche.

Funziona sul circuito internazionale VISA Electron ed è Contactless, permette quindi di pagare con il proprio smartphone, se dotato tecnologia NFC semplicemente poggiando lo stesso sul POS. PostePay è adatta a te se vuoi pagare nei negozi che accettano Visa, non usi una carta di credito e non possiedi un conto corrente tradizionale.

La prepagata di Poste Italiane può essere inoltre gestita comodamente da smartphone utilizzando una delle due app ufficiali (APP PostePay e APP Bancoposta) entrambe disponibili per i sistemi Android e iOS. Come anche da Pc o Mac attraverso i siti web www.poste.it e www.postepay.it.

Ordina la carta prepagata Hype

Plafond e limiti

Il limite annuale di PostePay è di 50.000 euro, ma il massimo che puoi caricare sulla carta in una sola volta è di 3.000 euro.

Il plafond annuo di PostePay è pari a 50.000€, ma sulla carta è possibile avere caricato massimo 3.000€ che è esattamente la somma corrispondente al plafond massimo spendibile quotidianamente.

C’è anche il limite di prelievo giornaliero dai bancomat, questo è pari a 250 euro, un limite che aumenta a 3.000 euro negli uffici postali.

Per l’invio di denaro in modalità P2P c’è un tetto massimo di 200€ ad operazione. Per chi non sa cosa sia, il P2P altro non è che la possibilità di inviare denaro tra persone fisiche (person to person, P2P), trasferimento di denaro tra individui.

La carta consente di effettuare fino a 5 ricariche telefoniche per un importo massimo di 500€.

Costi della PostePay

Il costo di rilascio di una PostePay è di 10€ a cui si aggiungono 5€ della prima ricarica, obbligatoria ai fini dell’attivazione. Nessun canone di mantenimento mensile da pagare o particolari costi di gestione, ma vengono applicate commissioni sui prelievi e su alcuni pagamenti. Eccoli a seguire.

Costi per prelievo contanti

I prelievi di denaro contante hanno un costo di:

  • 1€ da ATM Postamat
  • 1€ dagli Uffici Postali con terminale POS
  • 1,75€ da un qualsiasi altro ATM bancario

Nel caso di prelievi in un’altra valuta, la commissione imposta sull’operazione è di 5€ più la maggiorazione prevista dal circuito internazionale VISA Electron, pari a 1,1%. Tale maggiorazione è imposta anche sui pagamenti POS in valuta estera.

Costi per effettuare pagamenti

In generale, i pagamenti con terminale POS, anche quelli Contactless, sono sempre gratuiti.

Per inviare denaro da una PostePay all’altra ovvero utilizzando la modalità P2P, il costo è pari a un 1€.

Il pagamento di bollettini e della tassa automobilistica anch’essi 1€ ciascuno.

Costi di ricarica

I costi di ricarica della PostePay, sono diversi a seconda dei metodi utilizzati e sono:

  • 1€ negli Uffici Postali, da ATM Postamat con carta PostePay, tramite portalettere dotato di POS, da sito o app;
  • 2€ da ATM Postamat con carta PagoBANCOMAT e nelle ricevitorie abilitate
  • 3€ da ATM Postamat con carta aderente ad altro circuito di pagamento

PostePay dispone inoltre di un servizio di notifiche via SMS, il cui prezzo è deciso dall’operatore telefonico di riferimento. Si tratta comunque di una commissione di 0,25€.

Articolo di approfondimento: Costi della Postepay

PostePay saldo

Punto di forza di questa carta è che, se non si è avvezzi all’uso del Pc o degli smartphone, si può comunque verificare il saldo della PostePay recandosi presso uno degli Uffici Postali, oppure si può utilizzare l’ATM Postamat, sempre presente fuori dagli uffici delle poste e disponibile 24 ore su 24.

Diversamente, chi sa usare la tecnologia, può controllare il saldo direttamente dalla app installata sul proprio smartphone o direttamente online sul sito poste.it – dopo aver effettuato l’accesso al medesimo come utente registrato -.

1. Verifica del saldo da Pc e Mac

Per verificare il saldo della PostePay da un Pc o da un Mac, accedi al sito delle poste. Effettuato il login è subito possibile visualizzare il saldo e la lista degli ultimi 40 movimenti effettuati.

2. Verifica del saldo da smartphone

In questo caso, per verificare il saldo PostePay, bisogna installare una delle due app dedicate: APP PostePay o APP BancoPosta. Una volta effettuato il login, si potrà vedere sia il saldo che i movimenti.

3. Richiesta saldo tramite SMS, servizio “SIMply”

saldo postepay sms

Infine esiste la possibilità di ricevere informazioni sul saldo e sulla lista movimenti via SMS, attivando il servizio SIMply BANCOPOSTA e inviando al numero 4860006 il messaggio di testo saldo ppay.

Come ricaricare PostePay

I canali messi a disposizione per ricaricare PostePay sono molteplici ed in grado di soddisfare ogni utente. Vediamoli uno per uno.

1. Ricarica in ufficio postale

Sicuramente, uno dei metodi più utilizzati per ricaricare la PostePay è quello di recarsi presso un ufficio postale e chiedere allo sportello che si desidera effettuare una ricarica della propria carta prepagata.

La ricarica in ufficio postale è molto comoda soprattutto per tutti coloro che, pur avendone i mezzi, hanno difficoltà ad utilizzare smartphone e computer. Anche per questa ragione PostePay è stata, sin dalla loro comparsa, una tra le carte prepagate più utilizzate in assoluto.

2. Ricarica tramite ATM Postamat

atm postamat 01

Ricarica Postepay tramite sportello Postamat. Anche in questo caso, i tanti ATM disponibili presso gli uffici postali, permettono di ricaricare la carta in modo semplice, pratico e veloce.

3. Ricarica da Home Banking (Pc e Mac) e app Postepay

Premessa: per effettuare delle ricariche dai siti o dalle app di Poste Italiane, bisogna essere titolari di Conto BancoPosta attivo e con un saldo sufficiente per spostare il denaro dal conto alla carta. Detto questo vediamo come procedere.

Si desidera ricaricare PostePay da PC o Mac, come prima cosa, occorre registrarsi al sito delle poste tramite la pagina dei servizi. Aperta la pagina, si hanno 2 opzioni: registrati, e accedere. Se non ci si è mai registrati e quindi non si ha un account, è indispensabile pigiare su accedere e creare il proprio account seguendo le indicazioni a video. Se invece si possiede un account, in tal caso bisogna inserire l’user e password e, una volta effettuato il login, procedere con la ricarica cella carta.

Se invece si vuole ricaricare la carta dal proprio smartphone, bisogna come prima cosa installare la app di Poste Italiane, questa è disponibile sia per il sistema Android che per iOs.

4. Servizio di ricarica a domicilio

Molto comoda e poco conosciuta è la ricarica Postepay effettuata tramite portalettere dotato di POS. Si può usufruire di questo comodo servizio (tra l’altro gratuito), telefonando Contact Center di Poste Italiane che risponde al numero 803.160.

Chi preferisce usare internet, può prenotare direttamente online la visita di un portalettere al proprio domicilio. Vediamo nel dettaglio come fare.

Andare sulla pagina dei servizi online e seguire tutti i passaggi a seguire:

ricarica postepay a domicilio passo1

Passo 1: scegliere il servizio, aprire il menu a tendina, selezionare Ricarica PostePay, inserire il cap. e pigiare su invia.

ricarica postepay a domicilio passo2

Passo 2: verifica della copertura del servizio, se attivo nella propria zona si può proseguire cliccando su modulo di contatto e passare allo step successivo.

ricarica postepay a domicilio passo3

Passo 3: qui vanno inseriti negli appositi spazi, i dati richiesti, ovvero: nome, cognome, indirizzo, cap, località, telefono e fasce orarie in cui poter ricevere una chiamata di conferma. Ora non resta che spuntare la casella della presa visione della privacy, inserire nell’apposito campo il codice di controllo visibile a schermo e poi infine pigiare su Invio.

5. Ricarica presso le ricevitorie Lottomatica e Banca 5

ricarica postepay lottomatica

Infine, è possibile ricaricare Postepay sia nei punti vendita autorizzati di Lottomatica che nei punti vendita di Banca 5.

Cerchi una prepagata ricaricabile nei punti Sisal Pay?

Ok, allora ecco per te le recensioni delle migliori carte prepagate ricaricabili in tabaccheria.

Come richiedere Postepay

La carta va richiesta in uno degli Uffici Postali distribuiti su tutto il territorio italiano. Tutto quello che serve è il proprio documento di riconoscimento.

PostePay viene rilasciata immediatamente dopo aver consegnato al personale addetto il modulo di richiesta compilato con i propri dati.

Come bloccare PostePay

  1. Per bloccare la carta a seguito di un furto o smarrimento basta chiamare il Contact Center al numero verde 800.003.322 dall’Italia.
  2. Se ci si trova all’estero, allora il numero da comporre è il +39 02 82.44.33.33.

In entrambi i casi, il centralino è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Conclusioni

La carta Postepay è una prepagata che permette – a chi la utilizza – di acquistare qualsiasi cosa in qualsiasi negozio che accetti pagamenti Visa. Facile da ricaricare è tra le poche carte ricaricabili in tabaccheria. Non solo, un altro modo comodo e poco conosciuto per ricaricare la carta è attraverso il tuo postino con POS (servizio attivo nelle principali città d’Italia).

Pensata per i giovani è anche consigliata a persone avanti con l’età e, soprattutto fra queste, quelle meno avvezze alla tecnologia. Questo perché, in caso di difficoltà, si può facilmente ricevere aiuto, oltre che tramite il servizio di assistenza clienti, anche tramite un operatore, sempre disponibile presso uno dei tanti uffici postali dislocati su tutti il territorio nazionale.

Di certo non è la carta prepagata più economica (neanche la più costosa), ma viste le caratteristiche vale la pena prenderla in considerazione se non si ha il bisogno di avere funzioni evolute come fare o ricevere bonifici – funzionalità che non è disponibile in quanto questa prepagata non ha codice IBAN.

Alternative alla PostePay

Stai cercando una prepagata? Prima di decidere quale scegliere tra le tante oggi disponibili ti consigliamo di leggere le nostre recensioni. In particolare, consulta la nostra classifica delle migliori carte prepagate con IBAN.

Fonte: Poste Italiane