Postepay in Spagna: pagamenti, ricarica, costi e prelievi

La Spagna è un paese bellissimo, ricco di cultura e di storia. Quindi, che si tratti di esplorare le strade di Madrid, di prendere il sole sulle spiagge di Barcellona o di fare escursioni nei paesaggi mozzafiato dei Pirenei, in Spagna c’è qualcosa da vedere e da fare per tutti.

Se sei un cliente di Poste Italiane e stai programmando un viaggio in questo stupendo Paese, probabilmente ti starai chiedendo se la tua carta Postepay funzionerà normalmente.

Ebbene, la risposta è sì, potrai utilizzare la tua preziosa Postepay in Spagna sia per effettuare pagamenti online che presso gli esercenti tradizionali. Non solo, potrai anche effettuare prelievi presso tutti gli ATM del paese.

In ogni caso, raccomandiamo prima di partire per la Spagna, di verificare se la carta sia abilitata per funzionare fuori dai confini nazionali. Questa impostazione si trova nell’area “Le mie carte” del sito postepay.it. Se la carta non è abilitata, non funzionerà quando si cercherà di utilizzarla all’estero. Tuttavia, è possibile abilitare questa impostazione in seguito. 😉

Naturalmente, ci sono anche altre informazioni che dovresti assolutamente conoscere prima di partire, ecco perché ti consigliamo di continuare a leggere questa guida fino alla fine. 😉

postepay spagna

Brevemente: cos’è la carta Postepay?

La carta Postepay è una carta di debito prepagata che può essere utilizzata ovunque sia accettata Visa (nel caso si abbia la classica carta gialla), oppure MasterCard (nel caso si abbia, ad esempio, la Postepay Evolution).

In entrambi i casi, è possibile utilizzare le carte per prelevare contanti dagli sportelli automatici, fare acquisti online, pagare le bollette e tanto altro ancora.

Entrambe le prepagate, seppure con alcune differenze importanti, non sono collegate ad alcun conto corrente bancario, ciò nonostante sono entrambe gestibili tramite il sito poste.it o, meglio ancora, tramite l’app Postepay.

Quali sono i vantaggi offerti dalla carta Postepay in Spagna?

L’utilizzo della carta Postepay in Spagna o, più in generale all’estero, presenta diversi vantaggi. Il primo fra tutti, è quello di poter viaggiare con una minore quantità di contanti al seguito.

Viaggiare con poco contante è più sicuro ed inoltre, in caso di furto o smarrimento della carta, è molto più semplice bloccarla e recuperare eventuali somme sottratte indebitamente. Diversamente il furto di contanti è, nella maggioranza dei casi, una perdita irreversibile.

Ed ancora, essendo una carta prepagata che utilizza il circuito Visa o MasterCard, a seconda del tipo di carta si possieda (Standard, Evolution, Digital, Green ecc.), è possibile usarla in milioni di esercizi commerciali in tutto il mondo e, quindi, anche in Spagna.

Anche prelevare contanti è una operazione che, seppure ha dei costi, può essere facilmente eseguita presso qualsiasi sportello automatico, purché quest’ultimo accetti carte affiliate al circuito Visa o MasterCard. In questo caso, occorre tenere a mente (come vedremo più avanti) che ci sono dei limiti giornalieri che non possono essere superati in nessun caso.

Ma c’è di più, questa prepagata supporta i due portafogli digitali più utilizzati al mondo, ovvero: Apple Pay (per clienti Apple) e Google Pay (per clienti Android). Se non conosci questi servizi, ecco una breve spiegazione del loro funzionamento.

Nel nostro caso, quando si parla di un portafoglio digitale, in gergo “wallet”, si parla di una applicazione software installata sul proprio device in grado di virtualizzare la carta fisica memorizzandone le informazioni al proprio interno. Questo consente all’utilizzatore di effettuare pagamenti contactless direttamente tramite smartphone pur non avendo la carta fisica al seguito.

Detto questo, è importante ricordare che le carte prepagate non sono carte di credito. Ciò significa che è possibile spendere solo il denaro precedentemente caricato sulla carta. In altre parole, con una carta prepagata non è possibile indebitarsi come con una carta di credito.

Qual è il Plafond di utilizzo della Postepay in Spagna?

Il plafond annuale per la Postepay è di 50.000€, ma il limite giornaliero è un’informazione più rilevante in questo caso.

Infatti, quando si viaggia all’estero è fondamentale anzitutto conoscere qual è l’importo massimo di contanti che si possono prelevare quotidianamente che, in questo caso è di 250€.

Pertanto, se si ha bisogno di più contante, si dovrà aspettare fino al giorno successivo prima di poter prelevare altri fondi. Inutile dire che questo potrebbe essere un bel problema.

Quindi, se si ha necessità di poter prelevare più contanti, la Postepay Evolution, il cui limite di prelievo giornaliero è pari a 600€, potrebbe essere la migliore prepagata da portare in viaggio.

Per quanto riguarda i pagamenti effettuabili giornalmente tramite POS, il limite prefissato è di 3.500€ mentre quello mensile è pari a 10.000€.

Il superamento di uno di questi limiti comporta il rifiuto della carta quando si tenta di effettuare un ulteriore pagamento.

Quali sono i costi di utilizzo della carta Postepay in Spagna?

Per quel che concerne i pagamenti tramite POS e gli acquisti online non sono previsti costi aggiuntivi.

Diversamente, nel caso in cui si faccia un prelievo da uno sportello ATM, occorre tenere presente che è previsto un costo di 1,50€ per ogni operazione effettuata.

Altri costi importanti da tenere a mente quando si usa la carta in Spagna non ve ne sono. Il fatto che, l’Italia e la Spagna adottino la stessa valuta, l’euro, è un grande vantaggio per chi viaggia tra i due Paesi. Ciò significa che non ci saranno costi di conversione o commissioni quando si effettuano pagamenti o prelievi.

Come ricaricare la carta Postepay quando si è in Spagna?

È possibile ricaricare la carta Postepay in qualsiasi momento trasferendo denaro dal proprio conto BancoPosta.

Di certo, il modo migliore per ricaricare la carta Postepay quando ci si trova in Spagna è quello possibile tramite il conto BancoPosta. Questo perché, tramite l’app BancoPosta è possibile trasferire facilmente fondi dal conto alla carta e ricevere l’accredito in pochi secondi.

Se non si è titolari di un conto BancoPosta, per ricaricare la prepagata in oggetto è si può chiedere aiuto ad un amico, un parente o un conoscente che possa recarsi fisicamente in un ufficio postale in Italia e fare una ricarica.

Ed ancora, se si ha un amico che usa la carta Postepay è possibile chiedere a quest’ultimo una ricarica tramite la funzione P2P Postepay. Questa funzionalità è molto utile in caso di emergenza in quanto, l’accredito del denaro sulla carta, avviene praticamente in tempo reale.

Chi invece possiede una Postepay Evolution, la può ricaricare, oltre tramite i metodi sopra riportati, anche attraverso un bonifico.

Ciò è possibile perché questa carta possiede, fra le altre caratteristiche anche un suo codice IBAN ed è quindi in grado di ricevere bonifici.

Fra l’altro è il sistema supporta anche la ricezione dei trasferimenti istantanei, di modo che il denaro viene accreditato immediatamente sulla carta.

Per avere ulteriori dettagli su questo argomento ti consigliamo di leggere la guida: Come ricaricare Postepay dall’estero.

Cosa fare in caso di furto o smarrimento della carta?

Se la carta viene smarrita o rubata, la prima cosa da fare è bloccarla temporaneamente tramite l’app Postepay. Attivato il blocco si è già al sicuro da eventuali addebiti non autorizzati.

Successivamente occorre contattare il servizio di assistenza clienti, il quale, provvederà a cancellare la carta e a emetterne una nuova.

Se si agisce tempestivamente, non si rischia di essere ritenuti responsabili di eventuali addebiti non autorizzati.

Diversamente se non ci si preoccupa di bloccare tempestivamente la carta, si potrebbe essere ritenuti responsabili delle spese non autorizzate, come stabilito dal contratto.

In ogni caso, al rientro in Italia bisogna denunciare l’accaduto presso le forze dell’ordine (Carabinieri o Polizia), e poi consegnare la copia della denuncia all’impiegato dell’ufficio postale di riferimento.

Conclusioni

La carta Postepay è un modo comodo e sicuro per pagare in Spagna. È facile da usare e da ricaricare, il che la rende un’ottima opzione per chiunque voglia evitare di portare con sé contanti o di affrontare le spese extra, che altre carte prepagate prevedono quando utilizzate fuori dal territorio Italiano.

Prima di lasciarci, ecco alcuni consigli sulle cose da fare prima di partire per il viaggio:

Ricarica la carta con denaro sufficiente a coprire le spese previste più eventuali spese impreviste

  • Portare del contante da utilizzare per gestire eventuali situazioni di emergenza.
  • Accertarsi di sapere come bloccare la carta in caso di smarrimento o furto.
  • Conservare i dati della carta in un luogo diverso dal portafoglio.
  • Tenere presente le commissioni associate all’uso della carta in Spagna (ad esempio, 1,50 euro per i prelievi al bancomat).
  • Evitare piccoli prelievi preferendo, eventualmente un unico prelievo più consistente così da ottimizzare i costi.

Se si desidera avere ulteriori informazioni, segnaliamo la guida: PostePay all’estero: funzioni limiti e costi.

Grazie per aver letto la nostra guida! 😀