Come ricaricare Postepay dall’estero

È possibile ricaricare Postepay dall’estero? La risposta breve è sì. In questo articolo guida, vedremo come effettuare questa operazione in completa autonomia tramite servizi online messi a disposizione da Poste Italiane o a mezzo bonifico.

Questa guida è valida per la stragrande maggioranza delle carte prepagate di Poste Italiane in quanto, le metodologie di ricarica sono sempre le stesse a prescindere dalla versione della carta che si possiede.

Chi invece ha una delle prepagate con codice IBAN avrà una possibilità in più per ricaricarla, in quanto, le medesime possono ricevere bonifici. Unico neo di questo metodo è che occorrono due, talvolta tre giorni lavorativi per ricevere i soldi.

ricaricare postepay dall estero

Online da Poste.it o tramite app

È possibile fare una ricarica Postepay dall’estero direttamente online a patto che tu abbia un conto BancoPosta con dei fondi disponibili. In questo caso puoi utilizzare il servizio Home Banking o la app di Poste Italiane per effettuare l’operazione in completa autonomia.

Si tratta di un metodo pratico e veloce (tipo un Postagiro) perché, il trasferimento dei fondi, avviene tramite il circuito internazionale Visa Electron che, per sua natura, consente l’accredito pressoché immediato dei soldi.

Per effettuare una ricarica online da computer devi entrare come utente registrato sul sito poste.it dopodiché dovrai selezionare l’opzione “Ricarica carta” e seguire le indicazioni a video fino al completamento della procedura.

In modo del tutto simile, poi procedere alla ricarica tramite l’app Postepay installata sullo smartphone. Anche in questo caso ti basterà selezionare l’opzione “Ricarica” e disporre lo spostamento dei fondi dal tuo conto BancoPosta alla Postepay.

Ordina la carta prepagata Hype

Allo sportello postale

Se sei all’estero e non disponi di un Conto BancoPosta puoi chiedere ad un amico o ad un parente di ricaricare la tua Postepay presso un qualsiasi sportello di un ufficio postale. Per effettuare questo tipo di ricarica servono i seguenti documenti: il tuo codice fiscale ed il numero di 16 cifre della carta. Chi effettua l’operazione, invece, deve portare con sé un documento di riconoscimento ed il proprio codice fiscale.

Presso una tabaccheria

Sempre tramite l’aiuto di un amico un familiare puoi farle ricaricare la tua carta Postepay anche se ti trovi all’estero presso una tabaccheria (sita in Italia) convenzionata con Lottomatica o con Banca 5. Anche in questo caso serve il numero della carta da ricaricare, il codice fiscale del titolare della prepagata, il codice fiscale di chi fisicamente effettuerà la ricarica insieme ad un suo documento di riconoscimento.

Attenzione: le tabaccherie affiliate al circuito Sisal non possono più fare ricariche in quanto la società non ha rinnovato l’appalto con poste italiane per la gestione delle operazioni di ricarica.

Tramite un’altra Postepay

Puoi farti ricaricare la tua Postepay anche se ti trovi all’estero sfruttando la funzionalità p2p Postepay (Peer-to-Peer). In questo caso, chi desidera inviarti il denaro deve aprire l’app Postepay, entrare nell’area p2p, digitare l’importo da trasferire e scegliere invia. Fatto ciò, egli dovrà poi selezionare il tuo nome dalla rubrica per concludere l’operazione.

Tramite bonifico (solo carte con IBAN)

Come accennato nell’introduzione, se hai una Postepay Evolution o più in generale una versione della carta dotata di IBAN, poi effettuare una ricarica tramite bonifico. Si tratta di un’operazione che poi fare tu stesso anche da un tuo conto corrente di un altro istituto e quindi, puoi gestire tutto online tramite l’home banking dell’altro servizio bancario o la sua app.

Carte prepagate consigliate

Stai cercando una prepagata? Prima di decidere quale scegliere tra le tante oggi disponibili ti consigliamo di leggere le nostre recensioni. In particolare, consulta la nostra classifica delle migliori carte prepagate con IBAN.