Saldo contabile Postepay: cos’è, significato, differenza dal saldo disponibile

La Postepay è una carta prepagata molto diffusa in Italia e può essere utilizzata ovunque sia accettata la Visa nel mondo.

L’utilizzo di una carta Postepay presenta una serie di caratteristiche e vantaggi, ma una cosa importante da tenere presente, per non avere sorprese, è che ha due diversi saldi: il saldo contabile e il saldo disponibile.

In questa guida ti spieghiamo cos’è il saldo contabile, il suo significato, la differenza rispetto al saldo disponibile, come verificare entrambi gli importi e cosa può succedere quando si effettua un acquisto quando il saldo disponibile non compre il costo del bene o del servizio che si sta acquistando.

Quindi, se desideri sapere tutto quello che c’è da conoscere su questo argomento continua a leggere!

Cos’è il saldo contabile della Postepay?

Su una carta Postepay esistono due diversi saldi: il saldo contabile e il saldo disponibile. Nel nostro caso – ma il concetto è sempre valido – il saldo contabile della Postepay è la somma totale delle transazioni registrate sia in entrata che in uscita fino a una certa data sulla carta.

Qual è la differenza tra saldo disponibile e saldo contabile?

La differenza tra il saldo contabile e il saldo disponibile è che il saldo contabile è un dato parziale. Ovvero, un dato che può non essere aggiornato.

Diversamente, il saldo disponibile, invece, tiene conto di tutte le operazioni e rappresenta quindi ciò che si può effettivamente spendere al netto delle operazioni finanziarie registrate ma non contabilizzate.

Perché è importate comprendere la differenza tra saldo contabile e saldo disponibile?

È importante conoscere il significato del saldo contabile perché lo stesso, non essendo aggiornato in tempo reale, può trarre in inganno sulla reale disponibilità di denaro che si ha a disposizione per pagare i propri acquisti. In pratica, potremmo trovarci nella sgradevole situazione in cui, al momento del pagamento di un bene o di un servizio la transazione viene rifiutata per mancanza di fondi.

Facciamo un esempio pratico: supponi di aver visto dalla app Postepay di avere un saldo contabile pari a 300€. Dando per scontato che hai abbastanza soldi sulla carta, parti tranquillo per andare a fare la spesa al supermercato.

Fatti i tuoi acquisti ti rechi alla cassa, dove passati i prodotti allo scanner, risulta che il totale da pagare è pari a 250€. Avvicini la carta al lettore POS, digiti il codice PIN, necessario in quanto l’importo totale della spesa supera i 50€, ed ecco che il pagamento viene respinto per mancanza di fondi.

Come mai, cosa è successo, perché il pagamento viene respinto? Ebbene, la risposta è semplice! Come abbiamo detto, il saldo contabile della carta era di 300€, ma non ti sei accorto che quel saldo, non comprende la pre-autorizzazione al pagamento di 60€ (di cui ti eri dimenticato) al pagamento della stanza d’hotel che hai prenotato due giorni prima per passare il weekend fuori casa.

In pratica, è successo che, seppure il saldo contabile era pari a 300€, in realtà il saldo disponibile sulla carta è di 240€ e dunque, l’importo reale che puoi effettivamente spendere non è sufficiente a coprire il costo della spesa.

Per questo motivo è indispensabile controllare sempre il saldo disponibile piuttosto che il saldo contabile prima di effettuare qualsiasi tipo di pagamento, per evitare spiacevoli sorprese!

Leggi anche: Differenza fra saldo contabile e saldo disponibile.

Come verificare il saldo disponibile della carta Postepay?

Puoi controllare il saldo della tua carta Postepay, direttamente nella home page della app oppure, in alternativa, accedendo alla tua area riservata raggiungibile dal sito Poste.it.

Se non ti è possibile utilizzare l’app o il sito web per visualizzare il saldo disponibile, puoi recarti presso l’ufficio postale più vicino o chiamare il servizio clienti di Poste Italiane.

Quali sono le transazioni che possono influenzare il saldo contabile e della carta Postepay?

Esempi di transazioni che possono influire sul saldo contabile e sul saldo disponibile sono:

  • Prenotazioni alberghiere
  • Prenotazioni di auto a noleggio
  • Domiciliazione di utenze (Postepay Evolution e Postepay Evolution Business).
  • Alcune tipologie di acquisti online 
  • Biglietti per eventi che si svolgono in una data successiva
  • Acquisti particolari effettuati con tecnologia contactless

Questi sono solo alcuni esempi, per un elenco più completo consigliamo di chiedere informazioni allo sportello postale o telefonare al numero verde di Poste Italiane.

Crea un elenco di domande e risposte su Saldo contabile Postepay: cos’è, significato, differenza dal saldo disponibile.

Conclusione

In questa guida abbiamo visto cos’è il saldo contabile in riferimento alla carta prepagata Postepay, qual è il suo significato e come si differenzia dal saldo disponibile.

Abbiamo anche visto come controllare il saldo utilizzando l’app o il sito web. Infine, abbiamo illustrato alcuni tipi di transazioni che possono influenzare il saldo del conto e/o il saldo disponibile.

Quello che si evince da tutto quanto visto è che, sebbene il saldo contabile possa darci un’idea generale della quantità di denaro disponibile sulla carta, non è sempre aggiornato in tempo reale e non tiene conto di tutte le transazioni finanziarie.

Per questo motivo, prima di effettuare qualsiasi pagamento, sia online che in un negozio, è sempre meglio controllare il saldo disponibile per avere un’idea precisa dei fondi che realmente si hanno a disposizione.

Carte prepagate consigliate

Stai cercando una prepagata? Prima di decidere quale scegliere tra le tante oggi disponibili ti consigliamo di leggere le nostre recensioni. In particolare, consulta la nostra classifica delle migliori carte prepagate con IBAN.